To Top

 

  TitoloCircular packaging, get back to where you were
  Sommario
L’invenzione riguarda nuovi materiali costituiti da paglia di cereali e bioplastica. Il processo produttivo non prevede l’uso di acqua, solventi chimici, o altri additivi inquinanti. La paglia può svolgere la funzione di serbatoio di CO2 configurandosi quindi come carbon sink.
  Invenzione
Il materiale e il relativo metodo produttivo, entrambi brevettati, sfruttano una matrice costituita dalla paglia, come scarto proveniente dalla filiera cerealicola, e da bioplastica, cioè da plastica biodegradabile, per la realizzazione di un nuovo materiale ecosostenibile. Il risultato finale consiste in un materiale adatto all’uso nell’edilizia, sia con funzione strutturale sia con funzione isolante (termo-acustico) e a varie tipologie di packaging (imballaggio terziario). A differenza di altri materiali con caratteristiche equipollenti, il trovato si caratterizza per un’elevata sostenibilità ambientale, per il recupero di scarti della filiera cerealicola e per la compostabilità a fine vita. La scala produttiva può essere progettata a più livelli: macro nel caso di conferimenti da parte di consorzi agrari, micro nel caso di singole aziende agricole. Nell’ottica di quest’ultima ipotesi, e considerata la distribuzione su scala nazionale, europea e mondiale delle aziende cerealicole, l’approccio distributivo e logistico potrebbe prevedere la produzione aziendale per un packaging a km zero. Il materiale bio-based può trovare diversi ambiti di applicazione in quanto sfrutta proprietà tecnologiche che possono essere modificate in funzione della destinazione d’uso. Elementi pre-compressi ad elevata densità si prestano a sostenere sollecitazioni paragonabili a quelle dei materiali strutturali utilizzati in edilizia; elementi a bassa densità si prestano ad impieghi simili a quelli affidati al polistirolo. Il fine ciclo vita consiste nella naturale decomposizione o nella trasformazione in compost per reimpieghi agricoli. Lo sviluppo di altre applicazioni quali: realizzazione di arredamenti fieristici «usa e composta» pannelli isolanti (con funzione termo-acustica), realizzazione di manichini per il settore moda, o altri impieghi oggi affidati a materiali di origine fossile, garantisce un elevato potenziale di sviluppo.
  TitolaritàUniversità degli Studi di Firenze
  Proprietà industrialeDomanda di brevetto n. WO2017025786 (attiva in EU, CN)
  E-mail di contattobrevetti@unifi.it
  Telefono Contatto0552751920
  Tagseconomia circolare, materiale compostabile, materiale costruttivo sostenibile, materiali bio, packaging
  Vantaggi
Leggerezza Resistenza strutturale Ottimo isolamento termico e acustico; Compostabilità conforme a UNI EN 13432; Recupero e valorizzazione degli scarti cerealicoli; Implementazione di filiere corte per packaging a km zero.
  Applicazioni
Utilizzo in packaging e imballaggio industriale; Isolante termo acustico per l’edilizia; Utilizzo per realizzazione di allestimenti fieristici (arredo, stand, manichini, ecc.) «fiera circolare»; Potenziale sostituto di oggetti costruiti con materiali plastici «ricicla, usa e composta».
  Stadio di sviluppo
TRL 3: experimental proof of concept
  Immagine n° 1
  Immagine n° 2

Sei interessato ad incontrare l’inventore di questo brevetto durante la sessione B2B del 7 maggio?
Registrati e prenota un appuntamento!
Se sei già registrato procedi direttamente cliccando il pulsante PRENOTA

 

Promosso da

Organizzato da

In collaborazione con

Corriere della Sera

 

Con la partecipazione di

Con il patrocinio di

 

 

 

InnovAgorà © All Rights Reserved