To Top

 

  TitoloSintesi di Nanocollagene per conservare cuoi antichi
  Sommario
Metodo di preparazione industriale di un nuovo collagene nanostrutturato dotato di eccellenti e sorprendenti proprietà consolidanti e rinforzanti, esibite nei confronti di materiali membranacei da restaurare (prevalentemente cuoi, pelli e pergamene antiche, danneggiati)
  Stato della tecnica
Avanzato per una produzione su larga scala. Linea di sintesi scalabile, con produzione di massa. Il prodotto è anche validato dagli Istituti Centrali, quindi già pronto per applicazioni «sicure» su Beni Culturali Originali, sotto tutela del MiBAC (Ministero per i Beni e le Attività Culturali). Il nanocollagene è versatile in quanto può essere applicato su cuoi, pelli e pergamene (cioè sui supporti membranacei che si identificano con i Beni Culturali indoor) antiche; ma anche su pelli moderne, in svariati settori tra cui automotive, arredi, ecc.;. Il prodotto è ottenuto con sintesi in modalità «green chemistry», risulta pertanto eco-sostenibile (cioè a basso impatto per l’ambiente) ed è biocompatibile, quindi anche sicuro per gli operatori finali (quali restauratori e scienziati della conservazione).
  Invenzione
La Sintesi elettrochimica «template» consente di produrre su scala industriale, nanocollagene (di origine animale) con morfologia tubulare (con diametro del tubulo di 20nm, e lunghezza pari a 2m). Il nanocollagene, prodotto finale, si presenta come una nano-dispersione colloidale, in mezzo alcolico, quale alcol etilico e/o isopropilico, oppure in miscela binaria idro-alcolica (ad esempio: alcol : acqua = 70:30 (v/v)%) Tale dispersione è otticamente trasparente e stabile per tutta la durata del processo analitico di validazione, che, consta di protocolli estesi fino ad un anno, ragionevolmente con i test di invecchiamento artificialmente indotto (secondo le procedure previste dal Capitolato tecnico tipo).
  TitolaritàUniversità di Roma Tor Vergata
  Proprietà industrialeFamiglia di brevetto PCT/IB2017/055795 (IT, PCT)
  E-mail di contattobrevetti@amm.uniroma2.it
  Tagscuoio, pelle, tessuti, arredi, pergamene, collagene, nanocollagene, restauro, rinforzo, tissue engineering
  Vantaggi
• il nano collagene non è invasivo • il nano collagene non è distruttivo/aggressivo nei confronti dei supporti membranacei • Il nano collagene è eco-sostenibile, a basso impatto nella Biosfera • Il nano collagene è biocompatibile nei confronti degli «end-users» cioè restauratori e scienziati della conservazione • Il nano collagene può essere prodotto in quantità industriali (sintesi scalabile) • Il nano collagene è versatile e può essere applicato anche su cuoi e pelli moderne, aventi composizione chimica differente da quella dei materiali membranacei antichi
  Applicazioni
• Consolidamento di Beni Archivistici e Librari, con coperte in cuoi, pelle e/o pergamena • Rinforzo di materiali membranacei antichi (Beni Culturali indoor) • Estendibilità dell’azione di consolidamento, rivolta verso materiali e tessuti moderni (i.e. automotive; arredi;) con completa composizione chimico-fisica della materia prima • precursori di origine animale consentono di ottenere un prodotto finale con abilità di riparazione tissutale (applicazione nel campo di «tissue engineering»)
  Stadio di sviluppo
TRL8_Sistema completo e qualificato
  Immagine n° 1
  Immagine n° 2
  Immagine n° 3

Sei interessato ad incontrare l’inventore di questo brevetto durante la sessione B2B del 7 maggio?
Registrati e prenota un appuntamento!
Se sei già registrato procedi direttamente cliccando il pulsante PRENOTA

 

Promosso da

Organizzato da

In collaborazione con

Corriere della Sera

 

Con la partecipazione di

Con il patrocinio di

 

 

 

InnovAgorà © All Rights Reserved