To Top

 

  TitoloSmart up-grading
  Sommario
Presso il Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca è stato sviluppato e brevettato un processo di cattura della CO2 da biogas (up-grading) di cui sono inventori il prof. Acciarri Maurizio, la prof.ssa Binetti Simona, l’ing. Meschia Maurilio e il dott. Vodopivec Bruno. Il biogas è una miscela di gas composta principalmente da metano (60% circa) e CO2 (40% circa).
  Invenzione
L'impianto è in grado di catturare la CO2 da miscele di gas. In particolare l’attuale applicazione è la rimozione di biogas prodotto da digestione anaerobica di scarti. La separazione del biometano dal biogas avviene in un processo di assorbimento in un solvente di nuova generazione. I solventi sono di derivazione naturale e non presentano rischi per operatori e ambiente. Il processo è altamente selettivo verso H2S e CO2 mentre risulta assolutamente trascurabile l’assorbimento di CH4. L’impianto è composto essenzialmente da due colonne. Nella prima, a temperatura ambiente, avviene la cattura della CO2. Nella seconda a alta temperatura, circa 80°C, avviene il rilascio della CO2 e quindi la sua cattura. Il processo potrebbe essere anche applicato alla cattura della CO2 dall’aria. Questa peculiarità è ancora in fase di studio ma entrerebbe a pieno titolo negli interventi possibili in futuro per la riduzione di CO2 e per i suoi impatti sui cambiamenti climatici.
  TitolaritàUniversità degli Studi di Milano Bicocca
  Proprietà industrialeDomanda di brevetto n. WO2015107416 (attiva in US, EU, IT)
  E-mail di contattobrevetti-spinoff@unimib.it
  Tagsbiogas upgrading, cattura CO2, digestione anaerobica, biometano
  Vantaggi
Caratteristica essenziale del processo sono le basse temperature nella fase di rigenerazione del solvente (rilascio CO2), che consentono una semplificazione dell'impianto con riduzione del costo di investimento e, ancora più importante, una riduzione dei consumi energetici e dei costi correlati. Caratteristica essenziale del processo sono le basse temperature (< 85°C) nella fase di stripping, che consentono una semplificazione dell'impianto con riduzione del costo di investimento e ancora più importante una riduzione dei consumi energetici e dei costi correlati. L’impianto è estremamente semplice con conseguente riduzione dei costi di costruzione e manutenzione.
  Applicazioni
La principale applicazione del processo riguarda l'upgrading del biogas prodotto dalla digestione anaerobica di scarti di differente natura.
  Stadio di sviluppo
Dopo una lunga sperimentazione in laboratorio, iniziata nel 2007, è stata avviata anche una validazione della tecnologia su un impianto pilota da 50 m3/h. La validazione su impianto pilota è avvenuta nella ex discarica di CEM Ambiente presso Cavenago Brianza (MB) nel 2014. Nel 2017 l’impianto per il test è stato spostato presso il sito di purificazione acque di CAP Amiacque di Sesto San Giovanni.
  Immagine n° 1
  Immagine n° 2

Sei interessato ad incontrare l’inventore di questo brevetto durante la sessione B2B del 7 maggio?
Registrati e prenota un appuntamento!
Se sei già registrato procedi direttamente cliccando il pulsante PRENOTA

 

Promosso da

Organizzato da

In collaborazione con

Corriere della Sera

 

Con la partecipazione di

Con il patrocinio di

 

 

 

InnovAgorà © All Rights Reserved