To Top

 

  TitoloIBRIDI ORGANICI-INORGANICI POLIMERIZZATI IN SITU A TEMPERATURA AMBIENTE
  Sommario
I sistemi ibridi oggetto della presente invenzione sono costituiti da una fase organica a base di oligomeri epossidici e da una fase inorganica, composta da nanodomini di silice, che sono prodotti in-situ tramite un’innovativa modifica del metodo sol-gel basata sull’utilizzo di una miscela di precursori silossanici con solventi inorganici green a base di liquidi ionici
  Stato della tecnica
Nell’industria aeronautica e automobilistica lo stadio di incollaggio di giunti mediante adesivi avviene in luoghi chiusi ed in condizioni controllate. Nel campo dell’edilizia invece, dove le strutture all’aperto sono esposte a diverse condizioni di temperatura ed umidità, vengono generalmente impiegati adesivi, per esempio resine epossidiche, che polimerizzano a freddo (cosiddette ”cold-cured”), ossia a temperatura ambiente, per l’incollaggio di connessioni non strutturali o semi-strutturali, di laminati fibro-rinforzati su componenti in acciaio o calcestruzzo. Gli ibridi organici-inorganici sono prodotti mediante la tecnologia sol-gel basata sull’idrolisi.
  Invenzione
I sistemi ibridi oggetto dell’invenzione sono costituiti da una fase organica a base di oligomeri epossidici e da una fase inorganica composta da nanodomini di silice e prodotti in-situ tramite un’innovativa modifica del metodo sol-gel basata sull’utilizzo di una miscela di precursori silossanici con solventi inorganici green a base di liquidi ionici. Attraverso la scelta di materie prime e l’ottimizzazione delle condizioni di sintesi, il processo sol-gel e la polimerizzazione avvengano contemporaneamente, con una fase organica reticolata a temperatura ambiente che si lega con legami covalenti ai domini inorganici. Si potranno in tal modo produrre sistemi ibridi epossi-silice organico-inorganici in grado di indurire a temperatura ambiente, da impiegare come adesivi per diversi substrati (calcestruzzo, pietra, muratura, legno, metallo, plastica, vetro, materiali ceramici) e come matrici per compositi fibro-rinforzati
  TitolaritàUniversità del Salento
  Proprietà industrialeIT n. 1425385
  E-mail di contattofundraising.ricerca@unisalento.it
  Tagsadesivi, resine, strutture in calcestruzzo, muratura, consolidamento strutture, legno
  Vantaggi
- Possono indurire in tempi ragionevoli a temperatura ambiente, senza fonti di calore/energia; - Posseggono un’elevata temperatura di transizione vetrosa rispetto ai prodotti commerciali; - Non contengono solventi tossici; - Mostrano elevata resistenza, adesione a diversi materiali, elevata durabilità.
  Applicazioni
- Resine per iniezione in strutture in calcestruzzo; - Adesivi per giunti di pietra; - Matrici per compositi fibro-rinforzati per consolidamento strutture in calcestruzzo, muratura, legno; - Adesivi e consolidanti per elementi strutturali in legno; - Adesivi per altre applicazioni.
  Stadio di sviluppo
MID
  Immagine n° 1
  Immagine n° 2
  Immagine n° 3

Sei interessato ad incontrare l’inventore di questo brevetto durante la sessione B2B del 7 maggio?
Registrati e prenota un appuntamento!
Se sei già registrato procedi direttamente cliccando il pulsante PRENOTA

 

Promosso da

Organizzato da

In collaborazione con

Corriere della Sera

 

Con la partecipazione di

Con il patrocinio di

 

 

 

InnovAgorà © All Rights Reserved